Sei in » Politica
18/03/2016 | 17:05

I lavoratori Call Marketing di Acquarica di Lecce - assistiti dalle sigle sindacali CGIL e SLP CGIL Lecce - chiedono al Prefetto Palomba un incontro urgente per discutere della loro situazione. Richiesta nata dopo il servizio giornalistico andato in onda a 'La Gabbia' su LA7.


I lavoratori Call Marketing di Acquarica


Acquarica del Capo. Lo scorso 14 marzo, uno sciopero. Oggi, una lettera rivolta al Prefetto di Lecce, dott. Claudio Palomba, chiedendo un incontro urgente. Insomma, fanno sentire la propria voce lavoratori e lavoratrici call center Call Marketing di Acquarica di Lecce, e non solo in quanto operatori telefonici. Ora, infatti, assistiti dalla CGIL e dal sindacato categoria SLC Cgil, la loro protesta ha permesso che emergessero – grazie anche agli approfondimenti della stampa – dei risvolti preoccupanti. In particolare, nella richiesta inviata in via XXV Luglio, i segretari generali della Cgil e della Slc, Salvatore Arnesano e Salvatore Labriola, si riferiscono a “quanto emerso nel servizio televisivo a firma di Danilo Lupo, trasmesso su La7 il 16 marzo 2016 nella trasmissione "La Gabbia", che descrive la situazione del lavoratori dell’Azienda Call Marketing di Acquarica di Lecce”. Parliamo di una trasmissione di caratura nazionale, seguita da milioni di persone, nella quale finalmente emergono delle realtà forse poco considerate, o comunque non sempre note all’opinione pubblica.

Slc e Cgil Lecce chiedono quindi alla massima autorità territoriale, rappresentativa del governo, una riunione-fiume urgente, considerato che, “a tutt’oggi – spiegano – nonostante i ripetuti inviti per l’apertura di un tavolo aziendale di confronto finalizzato a evitare il trasferimento collettivo nella sede di Call Marketing di Acquarica del Capo, queste organizzazioni sindacali non ancora ricevuto nessun riscontro da parte dell’Azienda”.

Arnesano e Labriola chiedono inoltre che nella stessa stanza del il Prefetto “siano presenti sia responsabili di Call Marketing che quelli di Idroservice, entrambe di Presicce, atteso che Call Marketing lavora con commessa monomandataria Idroservice”.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |